Italian music news: Vasco Rossi releases Radiohead’s Creep cover



Aaaargh! The new release from italian pop superstar Vasco Rossi is a questionable cover of a great Radiohead’s song, Creep.
What can I say? Creep is one of my favourite tunes of all time, and I think sincerely that this version doesn’t add anything to the original, and moreover the lyrics are completely inappropriate. Anyway, listen and judge yourself.

7 Comments

  • nati says:

    manon capisci proprio niente!!
    non è un cover!
    è una fusione di due mondi che si sfioravanno appena
    è filosofia
    è filosofia di vita

  • nati says:

    apparte: ma quando Vasco ha fatto della pop?

  • Lucia says:

    Per quelli che come me amano Radiohead, il “remake” che Vasco fa di “Creep” risulta abbastanza penoso… Al di là delle sonorità pop che non sono una novità per Vasco (tutto sommato le note sono più o meno quelle, a parte la tipica riproduzione di Vasco dei brani lenti, stile “Gabry”) è proprio il testo italiano della canzone a svilire un testo originale di grande poesia. Senza niente togliere al grande Vasco, questo è davvero un grande bluff! Sorry!

  • t d'elia says:

    Si Si certo questo e’ un cover di Radiohead —
    o Vasco e’ un rapinatore!
    Cuesto canzione non e’ un fusione, e’ un confusione!

  • ALICE says:

    holy crap wtf is this. Kill this mant kthnxbye

  • jujima says:

    questa cover è uno scempio e il testo è penoso.. un perfetto esempio di cacofonia.. che tristezza!

  • Enrico says:

    Filosofie che si sfiorano?!?? Fa semplicemente cagare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

It sounds like SK2 has recently been updated on this blog. But not fully configured. You MUST visit Spam Karma's admin page at least once before letting it filter your comments (chaos may ensue otherwise).